Le tanto sudate vacanze sono ormai alle porte e tanti studenti di Wall Street English Bassano hanno deciso di trascorrerle all’estero. C’è chi ha optato per le più belle capitali europee, chi invece ha puntato su qualche spiaggia esotica. Al di là della meta, tutti i viaggi fuori dallo stivale hanno un denominatore comune che è ovviamente, la necessità di dover parlare in inglese. Qualsiasi sia la destinazione, in tutti gli aeroporti, le stazioni, i bar, i villaggi, le piazze, i musei, insomma ovunque tutti si rivolgeranno a noi in inglese, aspettandosi, giustamente, che noi si sappia fare lo stesso.

Purtroppo per molti italiani non è così scontato e la barriera linguistica a volte è talmente alta da portare a rinunciare alle vacanze all’estero.
Per questo motivo ogni anno WSE Bassano offre ai propri studenti un gettonatissimo ciclo dal titolo: “Help me! I’m a Tourist!!!”

Il ciclo, suddiviso in quattro incontri con i nostri tutor madrelingua certificati, ha permesso ai nostri studenti di mettersi alla prova con le situazioni che comunemente si devono affrontare nel corso di un viaggio all’estero.

Ci siamo quindi immaginati in aeroporto durante il check-in e senza la nostra valigia smarrita, li abbiamo fatti perdere in una street secondaria di Londra obbligandoli a chiedere informazioni per arrivare in hotel dove, purtroppo, il receptionist dal marcato e temutissimo accento scozzese non era molto disponibile a ripetere due volte quello che diceva. Alla fine, dopo tante peripezie, ci siamo concessi una bella cena al ristorante dove però abbiamo provato a rischiare un po’ evitando il rassicurante e conosciuto fish&chips, avventurandoci nella comprensione del menù.

Per chi se li fosse persi, qui potete un utilissimo kit di sopravvivenza:

Da quanto ci raccontano invece gli studenti che hanno frequentato i nostri Social Club, l’obiettivo è stato raggiunto. Silvia ci racconta che ha scelto Wall Street English per avere una base di inglese che ritiene molto valida per poter viaggiare all’estero. “ L’incontro che ho preferito- continua- è stato “Prepare for take-off”, preparato con molta attenzione in tutti i dettagli, che possono servire dalla partenza in aereo all’arrivo a destinazione”.

C’è chi addirittura ci rivela di aver già messo in pratica quanto appreso. Marianna infatti ci confessa: “ho apprezzato molto l’organizzazione e le modalità in cui sono state pensate le serate: il role play iniziale ha permesso, fin da subito, a tutti i partecipanti di entrare nel ruolo del turista in partenza e la modalità di gestione della lezione con video e materiale scritto ci ha presentato il lessico specifico. Naturalmente penso che sfrutterò i contenuti nel mio prossimo viaggio all’estero, anzi ho già avuto modo di sperimentarmi in una breve vacanza, soprattutto al ristorante e chiedendo indicazioni stradali”.

In ogni caso, se vi trovaste senza parole, non dimenticate mai la formula magica: “Help! I’m a tourist!!!”.
Buone vacanze da tutto lo staff di WSE Bassano del Grappa.

Post a comment