Come abbiamo già visto, il present perfect è una delle forme verbali più ostiche per tutti gli studenti, in quanto viene utilizzato in situazioni molto diverse tra loro e spesso con significati differenti, ma con qualche indicazione e un po’ di costanza riuscirai a padroneggiare questo importantissimo tempo verbale. Rivediamo assieme come e quando si usa il present perfect alla forma attiva e passiva.

Come utilizzare il present perfect

Il present perfect generalmente si riferisce a:

una situazione avvenuta nel passato e che ha un collegamento nel presente;

un’esperienza passata che ha importanza nel presente; un’azione iniziata nel passato e che continua nel presente;

un’azione recente con conseguenze nel presente.

La struttura

Il present perfect si forma con il verbo ‘have’ e il participio passato di un verbo. Ad esempio:

“You have finished.”

La forma interrogativa si ottiene invertendo ‘have’ e il soggetto:

“Have you finished?”

la forma negativa si ottiene aggiungendo ‘not’ alla forma positiva:

“You haven’t finished.”

L’unica variazione è rappresentata dalla 3a persona singolare, nella quale si utilizza has al posto di have. Ad esempio:

She has finished.

Il present perfect solitamente viene utilizzato con espressioni di tempo non concluse (ad esempio, today, this week, this year, in my life) e avverbi (yet, already, just, ever e never).

Per parlare di situazioni o azioni non concluse nel tempo, invece, si utilizzano for e since.

Principali impieghi del present perfect

Diamo ora uno sguardo più approfondito ai tre casi principali in cui utilizzare il present perfect, con i relativi esempi.

1) Azioni recenti

Il present perfect viene utilizzato per descrivere un’azione recente o per chiedere se qualcosa è accaduto di recente, spesso in combinazione con just, already, yet, still. Ad esempio:

Jack’s asked me to marry him! I’m so happy!

(Azione terminata nel passato recente con conseguenze nel presente.)

Have you finished reading the newspaper yet?

Ann’s just called. She’s missed her bus and will be here late.

2) Esperienze di vita

Il present perfect si utilizza anche per parlare di eventi importanti avvenuti in passato, spesso in combinazione con ever e never. Ad esempio:

I’ve been to Canada. Have you ever been there?

How many times have you travelled abroad?

He’s won a lot of competitions during his sports career.

3) Azioni non concluse

Il present perfect viene utilizzato per descrivere azioni iniziate nel passato e ancora in svolgimento nel presente. In questo caso, si utilizzano for e since. Ad esempio:

He’s worked here for 18 years.

We’ve lived in the city center since 2008.

How long have you known Pablo?

Forma passiva del present perfect

Negli esempi precedenti abbiamo visto il present perfect alla forma attiva, nella quale l’azione viene svolta da una persona o un oggetto.

Nella forma passiva, invece, l’attenzione si concentra sulla persona o l’oggetto che ‘riceve’ l’azione. Il passivo viene impiegato in quasi tutti i tempi verbali inglesi e si forma con il verbo ‘to be’. Ad esempio, nel present simple:

ATTIVO: People collect the goods..

PASSIVO: The goods are collected.

Al past simple la frase diventa:

ATTIVO: People collected the goods yesterday.

PASSIVO: The goods were collected yesterday.

All’occorrenza, si può esprimere lo stesso concetto anche con il present perfect. Ad esempio:

ATTIVO: People have collected the goods.

PASSIVO: The goods have been collected.

La forma passiva e attiva del present perfect vengono entrambe impiegate per parlare di esperienze, azioni recenti e azioni/situazioni in corso di svolgimento.

Il passivo del present perfect si forma sempre con ‘has/have been’ + il participio passato del verbo. Ecco altri esempi: 

The staff have been trained.

The reports have been written.

Have the candidates been interviewed?

The applications haven’t been checked yet.

Have you been introduced to the new manager?

He’s been taken to see the President.

Sara has been promoted three times in her career.

The waste products have been left here since last February.

Per imparare l’inglese in modo efficace, naturale e moderno

Post a comment